22 aprile 2018
Annunci
 Home
Menu principale
Home
Notizie
Collegamenti web
Contattaci
Cerca
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Chi e' online
Privilegi alla Chiesa PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
luned́ 07 gennaio 2008

 

A PROPOSITO DI PRIVILEGI ALLA CHIESA

L'art. 6 dei Patti Lateranensi obbliga .....

lo Stato italiano a procurare alla Città del Vaticano "una adeguata dotazione di acqua in proprietà". Per quanto non sia prevista espressamente la "gratuità" dell'erogazione, di fatto mai nulla è stato richiesto dallo Stato Italiano. Discutibile o meno che sia tale previsione,  potrebbero aver ragione le gerarchie ecclesiastiche a dire che non si può parlare di privilegio.
Poichè l'erogazione viene fatta da un Ente privato (Acea spa) che giustamente ne reclama il rimborso, nell'art. 3 comma 13 L.24.12.2003 nr. 350 (Finanziaria 2004) venne autorizzata una spesa di euro 25 milioni per l'anno 2004 e di 4 milioni di euro a decorrere dall'anno 2005 "ai fini e per gli effetti del 1°comma dell'art. 6 del Trattato Lateranense".
Con Decreto del Consiglio dei Ministri del 23.4.2004 è stato deliberato che il "contributo compensativo" riguardi in genere i "servizi idrici" includendo in questi non solo l'approvvigionamento di acqua ma anche la "gestione e manutenzione delle reti e degli impianti per il collettamento e la depurazione delle acque reflue provenienti dalle utenze all'interno e all'esterno delle Mura Leonine".
Lo stesso Decreto liquida e riconosce al "soggetto gestore dei servizi idrici risultante creditore" sedici milioni e cinquecentomila euro  da versarsi in unica soluzione per "costi pregressi sostenuti" nel periodo dal 1998 al 2003.
Non sembra azzardato sostenere che questo allargamento della spesa ai "servizi idrici" comprensivi di "collettamento e depurazione" (in pratica il servizio di fognatura) esuli dall'impegno assunto nel Trattato Lateranense e che, pertanto, riguardo ad esso, si debba parlare di privilegio, neppure piccolo, vista l'entità dell'onere.
E, comunque, è dignitoso che siano i  cittadini italiani, credenti e  non, a doversi accollare il costo di smaltimento dei "reflui" prodotti nella Città del Vaticano?
Ultimo aggiornamento ( luned́ 23 giugno 2008 )
 
Sezioni
Archivio


Associazione Politica Insieme - P.iva e C/F 01077440533

Design maintained for Mambo by Absalom Media